skip to content | skip to menu

Buone Pratiche in Italia

MULTILINGUAL GOOD PRACTICES

WHAT PEOPLE DO

Please click on the links below for more information about multilingualism events in Italy.  

Arzignano (Vicenza)

I materiali presentati - gentilmente messi a disposizione dalla Dirigente Scolastica del Primo Circolo Didattico di Arzignano (VI), Dott. ssa Goretta Calearo - costituiscono un importante risultato del lavoro svolto dal Centro Territoriale di Formazione VI Ovest (del quale il Circolo fa parte) allo scopo di favorire l'integrazione degli alunni stranieri. Si tratta di strumenti di fondamentale importanza nella delicata fase di inserimento dell'alunno nel percorso scolastico:

1) questionario informativo in entrata;

2) protocollo di accoglienza;

3) griglia di rilevazione delle competenze linguistiche.

 

 

Marsciano (Perugia)

Calendario Multilingue e cartolina di auguri natalizi

 

Alunni stranieri e apprendimento linguistico (S. Baldi and S. Felici) 

 

Alunni stranieri e apprendimento linguistico (S. Baldi and S. Felici) Negli ultimi dieci anni gli alunni stranieri sono aumentati di 500.000 unità. Le scuole sono generalmente in grado di gestire la fase del primo inserimento, ma seguono con fatica lo sviluppo successivo dell’apprendimento e i problemi sono soprattutto di natura linguistica. L’esperienza di lavoro che qui presentiamo nasce da queste domande. 

Foreigner Students and Language Learning (S. Baldi and S. Felici) A project to investigate language learning at school

 www.treccani.it/Portale/sito/scuola/osservatorio/intercultura/indice_progetto_italiano_L2.html

 

 

 

IN PIAZZA S'IMPARA

TORINO/TURIN

Italiani che seguono lezioni di romeno per poter comunicare con i loro amici sul luogo di lavoro, bambini cinesi e arabi che imparano l’italiano per aiutare i loro genitori, cinesi che seguono la lezione dedicata alla loro lingua nativa per approfondire studi probabilmente interrotti e italiani che seguono lezioni di arabo per imparare a conoscere “l’altro”. La lingua diventa medium di inclusione e partecipazione.

Free languages classes in the streets: from italian to chinese, arabic or rumenian.

Multilingual education fro everyone is a reality in the Turin city center

(continua al link sottostante/to be continued)

http://www.comune.torino.it/portapalazzo/ambienti/sociale/piazzasimpara2/index.htm


 

IMPARARE L’ITALIANO

PISA

Il gruppo "Imparare l'italiano" offre un servizio gratuito alle donne immigrate che desiderino imparare a leggere, scrivere e parlare la lingua italiana.Oltre che un 'corso', flessibile e aperto tutto l'anno, "Imparare l'italiano' è anche un 'gruppo' dove donne italiane e straniere si incontrano e imparano una dall'altra.

Free Italian classes for women only, to meet their peculiar needs

(continua al link sottostante/to be continued)

http://www.comune.pisa.it/casadonna/italiano.html

 

 

CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI

PISA

El Comedor Estudiantil Giordano Liva

Si apre anche quest'anno la scuola di italiano per migranti Per informazioni ed eventuali iscrizioni rivolgersi allo sportello della scuola. I corsi sono gratuiti, di durata trimestrale, strutturati su diversi livelli e programmati con orari differenti.

Free Italian classes for everyone, taught by italian students and teachers who volunteer

(continua al link sottostante/to be continued)

http://www.elcomedor.it/

 

 

PARLIAMOCI CHIARO: CONOSCERE L’ITALIANO PER CONOSCERE L’ITALIA MILANO/MILAN 

Fondazione ISMU

Il progetto Parliamoci chiaro. Conoscere l’italiano per conoscere l’Italia è co-finanziato dall’Unione europea attraverso il Fondo europeo per l’integrazione dei cittadini dei paesi terzi e dal Ministero dell’Interno. 

Free Italian language and culture classes 

http://www.ismu.org/parliamocichiaro

  

 

ASINITAS

ROMA/ROME

L’associazione è attiva negli ambiti dell’accoglienza, dell’educazione-formazione, della produzione audiovisiva di documentari sui temi della migrazione e dell’espatrio forzato, della testimonianza e della cura di persone vittime di violazioni dei diritti umani, migranti, rifugiate, profughe e vittime di tortura.

Free Italian classes and other initiatives to promote intercultural dialogue

http://www.asinitas.org/home.html

 

AllegatoDimensione
Protocollo_daccoglienza_CTF_Vicenza_Ovest.pdf168.11 KB
Questionario_informativo_iscriz._al._stran_CTF_Vicenza_Ovest.pdf116.46 KB
VALUTAZIONE_CTF_Vicenza_Ovest.pdf97.52 KB
 

 

loghino Meridium